notizie

Loading...

Riunione Fisascat su Abruzzo engineering

Riunione oggi a L'Aquila presso l'Ance della Fisascat Cisl sulla situazione di Abruzzo Engineering.
Il Segretario Frigelli Davide in questa riunione ha precisato i dissapori che erano nati dopo un articolo-attacco della Filcams Cgil provinciale dell'Aquila sulla stampa regionale e mass media.
Frigelli Davide fisascat con l'avvocato Senproni
La riunione è stata partecipata da diversi tesserati e simpatizzanti della Fisascat di Abruzzo Engineering che hanno chiarito alcuni aspetti tra cui quella inerente sul fatto di non avere firmato l'accordo ditta-sindacato perchè non era propedeutico al nulla.
Accordo venuto meno perchè troppo restrittivo sulle spalle dei lavoratori (trovando l'accordo tra i partecipanti della riunione di oggi) e di riduzione dei costi che deve avvenire in maniera mirata su alcune voci di spesa che fino ad oggi non sono stati considerate e che il problema non si risolve ne con la cassa integrazione e ne con commesse-tampone.
Inoltre la Fisascat ha sempre chiesto il taglio di alcune spese ed è sempre stata propositiva in idee, iniziative pro ditta per aiutare i dipendenti senza creare disagi aziendali.
Il dialogo è stato interroto da altra sigla sindacale che evidentemente vuole perseguire altri obiettivi e situazioni a vantaggio di chi? 
Infatti unanime è stata la risposta positiva dei partecipanti sul  fatto che la Fisascat non abbia firmato l'accordo.
L'incontro è poi continuato sui seguenti punti:
-sull'aspetto dei tiket restorat con un dietro front della ditta della serie: ( no più tiket, si continuiamo a dare  i tichet)
-rotazione di cassa (con una posizione ed idee ben chiare e fortemente radicata in fisascat) ovvero che la  
   rotazione è avvenuta solo in parte e che la rotazione deve riguardare tutti i dipendenti ad iniziare con gli 
   individui che non ci sono mai andati o che hanno fatto pochi giorni di cassa .La cassa deve essere 
   considerata nel suo insieme da luglio 2009 in poi (se si vuole un dialogo costruttivo) e soprattutto non si
  può più parlare di situazioni come: "che le commesse sono legate in base alle professionalità già dichiarate
  ovvero su figure e nomi già impiagati in commessa in essere"; ma bensì facendo ruotare tutti i 
 dipendenti con le proprie professionalità che esprime A.e. e non legati al solito individuo con il suo nome e
 cognome che fa parte di una commessa in essere e che deve continuare nel suo lavoro come è stato
 spiegato oggi da un dirigente di A.e. che ha partecipato alla riunione Fisascat.
-benefit non pagati
-commesse future
-aspetti legali; lo staff di legali verrà messo a disposizione (già da oggi) dalla fisascat dopo l'enorme richiesta
   da parte dei tesserati e simpatizzanti di adivenire alle vie legali su alcuni aspetti in discussione tra i
   tesserati ed RSA.
LA FISASCAT FISSERA' UNA NUOVA RIUNIONE NEI PROSSIMI GIORNI
 

8 commenti:

  1. (...) e soprattutto non si può più parlare di situazioni come: "che le commesse sono legate in base alle professionalità già dichiarate ovvero su figure e nomi già impiagati in commessa in essere"; ma bensì facendo ruotare tutti i dipendenti con le proprie professionalità che esprime A.e. e non legati al solito individuo con il suo nome e cognome che fa parte di una commessa in essere e che deve continuare nel suo lavoro come è stato spiegato oggi da un dirigente di A.e. che ha partecipato alla riunione Fisascat. (...)

    Ne parlano anche in Svizzera:

    http://ch.indymedia.org/it/2011/04/81289.shtml

    RispondiElimina
  2. Spiacenti, il blog all'indirizzo sulmonaonline.blogspot.com è stato rimosso.
    Peccato, lì dentro si poteva discutere.

    Speriamo che ciò non accada a "fisascatabruzzo.blogspot.com" (della serie... mo' fai chidere pure questo, se ci riesci!)

    Buon lavoro, a tutti quelli che per anni hanno affiancato, porgendo i "propri servigi", l' "Uomo rimasto senza Maserati!"

    RispondiElimina
  3. ,,, ne parlano pure in Usa:

    http://www.huffingtonpost.com/social/Mimmo_Attanasii/gaddafi-greece-libya_n_844202_83098642.html

    RispondiElimina
  4. Mi è capitata, frugando nella rete, una curiosa lettera inviata al Governatore d'Abruzzo:

    http://www.scribd.com/doc/51246592/Il-testamento-di-un-dipendente-di-Abruzzo-Engineering

    Mi ha incuriosito molto, ma ciò che mi ha colpito di più è che è stata letta da circa 1500 persone, sparse nel mondo:

    Italy 90.6%,
    United Kingdom 2.4%,
    Germany 2.0%,
    Austria 1.2%,
    United States 0.8%

    RispondiElimina
  5. Auspico che la tanto invocata “rotazione della messa in cassa integrazione”, per i “precari” di Abruzzo Engineering, possa essere applicata senza appigli, barricandosi dietro “condizioni incondivisibili”, quali le “esigenze di servizio” e le “competenze acquisite”, che renderebbero insostituibili, non intercambiabili, “ruoli già predefiniti”.
    Nella Repubblica Italiana, se si vuole aspirare ad assumere “ruoli tecnici”, in un “Comune”, al “Genio Civile”, piuttosto che in un “Ufficio dell'Amministrazione Provinciale”, bisogna prima “partecipare e vincere un regolare concorso”. Spero che questo sia anche condiviso da tutti gli “Ordini Professionali”.

    Chi non è in possesso di tali requisiti, come lo scrivente, Domenico Attanasii, il quale proviene dal “bacino degli ex Lsu”, giunti sino ad Abruzzo Engineering S.C.p.A., attraverso una chiamata diretta dalle liste di collocamento e, di conseguenza, “non vincitore di nessun concorso”, basterebbe essere impiegato nelle equivalenze di tutti quei ruoli, in cui non necessitano “alte corrispondenze tecnico culturali”. Personalmente, sono pienamente “cosciente e consapevole” di avere ottenuto un posto di lavoro in seguito a una semplice iscrizione a una graduatoria di anzianità per disoccupazione. Per chi volesse ancora formulare legittima obiezione, su un corso di aggiornamento professionale di “due settimane”, effettuato presso la “Facoltà d'Ingegneria”, l'estate scorsa, mi permetto di replicare che vi ho partecipato per dovere professionale, esprimendo la volontà di evitare di sottopormi al test di valutazione finale, per “altissimo senso di responsabilità”, ritenendo di non essere in possesso di un background curricolare e professionale “sufficientemente approfondito”, per il compito assegnatomi, presso gli uffici tecnici, di un Comune in forte emergenza, colpito da calamità naturali.

    Auguro di cuore una serena Pasqua, a tutte le persone “oneste” di questo nostro Paese.

    Una preghiera al Presidente Gianni Chiodi:

    “Presidente, non ceda!”

    RispondiElimina
  6. Gli auguri per un sereno I Maggio:

    "Seeking Justice for the Oppressed",
    lettera di un precario di Abruzzo Engineering, lettura digitale di un "Avatar":
    http://youtu.be/1I9VFETg1yQ

    http://www.scribd.com/doc/53732074/Seeking-Justice-for-the-Oppressed

    http://www.scribd.com/doc/51246592/Il-testamento-di-un-dipendente-di-Abruzzo-Engineering

    RispondiElimina
  7. 700 euro al mese per far contenta la politica aquilana e loro ne prendono 2000 al mese
    buon primo maggio
    strafogatevi che noi diguniamo

    RispondiElimina

Archivio blog